Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.

 
Eleonora Durighello

Eleonora Durighello

L'occasione dell'Internet Day è stata per la Regione Friuli Venezia Giulia anche l'opportunità di proporre e sperimentare alcuni percorsi innovativi di orientamento basati sulle nuove tecnologie digitali. In particolare, è stato presentato dalla Regione Friuli Venezia Giuliail software on line per l'orientamento SORPRENDO, come uno degli strumenti digitali fondamentali per i servizi di orientamento e per le scuola, soprattutto quale risorsa per preparare gli studenti alle esperienze di alternanza scuola-lavoro. 

C’erano una volta il meccanico e l’elettrauto…
Lo sviluppo dell'industria automobilistica, soprattutto per quanto riguarda la parte elettronica, ha trasformato profondamente la struttura e il funzionamento dell'automobile e anche le professioni che ruotano intorno al mondo degli autoveicoli.

Scopriamo insieme la nuova figura del Tecnico Meccatronico.

Le politiche attive per il lavoro rappresentano uno leva fondamentale per sostenere un mercato del lavoro sempre più flessibile e dinamico e, soprattutto, per ridurre la disoccupazione e in particolare la disoccupazione giovanile. Le politiche attive includono tutti quei servizi che il sistema offre a chi cerca lavoro: la grande complessità di questi servizi è strettamente collegata alla necessità di "personalizzare" ognuna di queste misure in base alle caratteristiche e alle condizioni di ogni individuo.

Il Decreto legislativo n. 150 del 14 settembre 2015 introduce alcune novità sostanziali in questo ambito, ridefinendo l'organizzazione della rete dei servizi per il lavoro e le modalità di gestione delle politiche attive. 

In questi giorni a tutte le scuole stanno finalmente arrivando i finanziamenti per la realizzazione dei percorsi in Alternanza Scuola Lavoro secondo il monte ore previsto dalla Legge 107/2015: 400 ore negli istituti tecnici e professionali e di 200 ore nei licei, da attuare nel triennio, a partire dalle classi terzeNon tutte queste ore dovranno svolgersi necessariamente in un contesto di lavoro: anzi, per garantire ad ogni studente un positivo esito di queste esperienze pratiche in azienda, è fondamentale progettare e inserire inizialmente delle attività di preparazione e di orientamento, per avvicinare progressivamente ogni studente alla futura scelta professionale.

Un'attività fondamentale è l'orientamento alle professioni: offrire agli studenti la possibilità di esplorare diverse e nuove possibilità di carriera professionale rappresenta sicuramente una delle finalità principali di ogni percorso di alternanza. Ecco quindi una proposta di Laboratorio di Orientamento alle Professioni, già sperimentata positivamente nelle scuole e nei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale.

L'Europa ha da tempo centrato le politiche di orientamento permanente (Lifelong Guidance) sul concetto di Career Management Skills (CMS), che identifica quelle capacità che ogni persona deve possedere per gestire autonomamente e consapevolmente le proprie scelte di studio e di lavoro. Si tratta di un tema fondamentale per organizzare tutti i servizi di orientamento in modo da garantire ad ogni studente e ad ogni persona che deve cambiare lavoro quei percorsi di consulenza e di accompagnamento utili a fare il passo giusto, a selezionare le opportunità migliori, a candidarsi in modo efficace. In questi giorni è stata pubblicato il report "Understanding Career Management Skills", dove viene evidenziato come  questo concetto sia fondamentale per promuovere l'orientamento nella scuola, nella formazione tecnica e universitaria, nei servizi per il lavoro, nei servizi sociali. Emerge anche una forte esigenza di aggiornamento e approfondimento da parte degli operatori dell'orientamento e degli insegnanti.

Quanto è presente negli studenti la dimensione dell'imprenditorialità? Quali azioni di orientamento può realizzare la scuola per promuovere questo tipo di competenze? A Milano è stata presentata da Junior Achievement la ricerca “Educazione imprenditoriale. Impatto ed effetti di una scuola che innova” dalla quale emerge come il 64% dei giovani italiani che hanno partecipato al percorso didattico ‘Impresa in Azione’, aspiri ad un futuro lavorativo in cui poter sviluppare un proprio progetto.

Le maggiori società di selezione e head hunting stanno pubblicando in questi giorni i profili professionali che, in base alle loro rilevazioni e analisi, potrebbero offrire le maggiori opportunità di occupazione nel corso del 2016. Si tratta di professionalità di cui, da una parte, è presente una domanda elevata da parte delle imprese e, dall’altra, si tratta di professionalità non facilmente reperibili sul mercato del lavoro italiano. Quanto possono essere utili queste informazioni per l’orientamento? 

Guardare alla scuola “come spazio aperto per l’apprendimento e non unicamente luogo fisico, e come piattaforma che metta gli studenti nelle condizioni di sviluppare le competenze per la vita”: questo lo scopo ultimo del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) previsto dalla L. 107/2015 e adottato tramite il DM 851/2015 che si pone quindi come strategia complessiva di innovazione della scuola non solo a livello tecnologico ma soprattutto metodologico e culturale. La stessa legge che lo istituisce richiede che nel 2016 vengano inserite nel nuovo Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF) azioni coerenti con tale piano.  

Pensare ad una scuola digitale è fondamentale anche per potenziare l’orientamento e tutte quelle attività che consento agli studenti di esplorare il mondo e proiettarsi, attraverso nuove risorse e tecnologie, nel futuro. 

Pagina 4 di 4

Rimani in contatto con noi

Se hai domande o richieste di chiarimento su SORPRENDO, i nostri consulenti sono a tua disposizione, dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 17.00.

Contattaci

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.