Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.

 
Scritto da  Francesca Tricarico Mercoledì, 10 Maggio 2017 15:12

Il settore dell'arredo e del design: trend e professioni del Made in Italy In evidenza

Il nuovo successo dell'edizione 2017 del Salone del Mobile di Milano, punto di riferimento internazionale per l'arredamento e il design conferma la centralità di questo settore come manifesto del Made in Italy e di sviluppo per il sistema economico nazionale. Ma quali sono i numeri e le professioni di questo settore?

In realtà, l'esperienza del comparto realizzata in Fiera Milano quest'anno è stata vissuta attraverso cinque saloni: Salone Internazionale del Mobile, Salone Internazionale del Complemento d’Arredo, le biennali Euroluce e Workplace3.0 e il SaloneSatellite. Settori che stanno consolidando la ripresa e nel 2016 hanno registrato complessivamente 20 miliardi di valore per la produzione, il 2,3% in più sul 2015. Con il bonus mobili che ha fatto da traino (+3,1%) sul mercato interno. L’export rappresenta il fulcro del core business del mobile e del complemento italiano, più del 51% della produzione.

La parola d’ordine dell’ultimo Salone del mobile è stata: personalizzare gli ambienti, gli spazi, l’arredamento e i complementi di una casa.

Ma chi può aiutarci nel personalizzazione casa, ufficio, area commerciale?
L’arredatore o designer d’interni.

È una professione dalle mille sfumature, che sta emergendo e che si sta ritagliando un ruolo da protagonista nel settore, il suo compito è proprio quello di cercare soluzioni d’arredo che possano soddisfare sogni e desideri dei propri clienti.
Andiamo a conoscerla meglio!

Che cosa fa?
L'arredatore e l'arredatrice sono professionisti che si occupano di rendere più accoglienti le abitazioni, gli uffici e altri spazi, proponendo soluzioni di arredo che rispondano alle esigenze dei clienti e ai mutamenti sociali e culturali. In particolare si occupano di progettare e di arredare spazi confortevoli inserendo oggetti e accostando arredi, luci, colori e suoni in modo armonico.

Quali sono le principali attività?
Si rivolgono all’arredatore coloro che desiderano un’abitazione esclusiva o chi desidera personalizzarne il look del proprio appartamento o riqualificare uno spazio abitativo o di lavoro.
La sua attività lavorativa riguarda la progettazione della ripartizione di spazi e superfici nelle abitazioni, negli uffici, nei locali commerciali, ma anche in spazi espositivi, musei, navi, aerei, ecc.

In particolare:
- incontra il cliente per comprendere le sue esigenze, i sui desideri e gli obiettivi del progetto;
- esamina lo spazio che richiede il suo intervento e progetta le modifiche (sceglie pavimenti e rivestimenti, mobili, apparecchi di illuminazione, opere d’arte e decide come posizionarli nello spazio);
- crea il progetto delineando la tempistica e i costi;
- decide la suddivisione degli spazi e delle superfici in relazione alle funzioni che vengono loro attribuite: nelle progettazioni relative ai locali commerciali, ad esempio, l'attività dell'arredatore può riguardare anche l'effettiva ripartizione degli spazi tra aree espositive, corridoi per il passaggio della clientela, zona casse, deposito, ecc;
- definisce la progettazione delle soluzione di arredo e delle luci più adatte a ogni singolo spazio per creare un insieme armonico e funzionale.
Inoltre, è in grado di proporre soluzioni d’arredo “sostenibili” ossia con impatto minimo sull’ambiente.
Per svolgere il suo lavoro utilizza programmi informatici specifici per realizzare disegni tecnici bidimensionale o tridimensionali utili per presentare il progetto al cliente.
E’ il responsabile del progetto di arredamento e nello svolgimento del suo lavoro collabora con altre persone coinvolte nella realizzazione del progetto di arredamento come: muratori, pittori, falegnami e altri artigiani, e verifica e supervisiona le loro attività valutando l’avanzamento dei lavori. Egli può anche operare e collaborare con aziende e negozi che si occupano di progettazione e realizzazione di mobili, elementi di arredo e soluzioni di arredamento di interni.

Quali conoscenze e competenze sono richieste?
Per fare l'arredatore dovrai conoscere il disegno tecnico, le caratteristiche dei materiali in uso nell'arredamento, i concetti di spazio e forma, la storia dell'arte, in particolare dell'arte applicata e della sua evoluzione.

Dovrai possedere un insieme di competenze che ti permettano di:
- usare le scale grafiche e i principali software di design e grafica,
- individuare e selezionare i materiali, le luci, i rivestimenti e i colori più idonei;
- progettare la ripartizione di spazi privati e pubblici in relazione alle loro funzioni e ottimizzando lo spazio a disposizione;
- elaborare progetti di interni che possano integrare le aspettative del cliente con le forme presenti, con i criteri di funzionalità e con le possibilità tecnologiche a disposizione.

Ti sarà indispensabile essere creativo, avere capacità di rappresentazione spaziale, buona immaginazione, creatività e spirito innovativo. Devi possedere adeguate competenze relazionali, e saper presentare le tue scelte d’arredo e saperle motivare.

Infine, ti sarà richiesta una generale disponibilità all'aggiornamento continuo per conoscere le principali novità inerenti gli arredi, i materiali, i rivestimenti, l'illuminazione, ecc.

Dove lavora?
L'arredatore può operare sia come libero professionista sia come dipendente presso studi di architetti, in aziende e società di allestimento, nell'area commerciale di imprese che producono o vendono soluzioni d'arredo, in società di progettazione. Spesso, lavora a diretto contatto con la clientela per la quale studia, propone e consiglia varie soluzioni di arredamento.

Generalmente opera in orario diurno. Il suo orario di lavoro, caratterizzato da un certo grado di flessibilità, segue generalmente quello contrattuale da 40 ore a settimana, ma può aumentare in prossimità delle scadenze di consegna.

Come si diventa arredatore?
Non c'è un percorso formativo univoco per ambire a tale ruolo, ma il percorso universitario più indicato è il corso di laurea in Architettura. All’interno del percorso universitario in Architettura è previsto un corso di designer d’interni, o architetto d’interni.
Prima di intraprendere gli studi universitari può essere utile intraprendere un percorso che stimoli il senso estetico e capacità grafiche, come ad esempio un Liceo Artistico, oppure un Istituto tecnico - Settore Tecnologico - Indirizzo Grafica e Comunicazione o Costruzioni, ambiente e territorio.

Percorso formativo alternativo è un corso di specializzazione post-diploma con indirizzo in Design e Arredamento presso uno degli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche (ISIA) o l’Istituto Europeo di Design IED, che permette di conseguire un Diploma in Interior Design.

 

Letto 159 volte

Social

share on facebook share on linkedin share on youtube share on twitter

Rimani in contatto con noi

Se hai domande o richieste di chiarimento su SORPRENDO, i nostri consulenti sono a tua disposizione, dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 17.00.

Contattaci

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.