Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.

 
Scritto da  Lunedì, 09 Settembre 2019 10:11

Progetto JOBLAND: parte l'indagine sull'orientamento nella scuola primaria.

I tassi inaccettabili della dispersione scolastica, accanto ai numeri enormi che del grave fenomeno del “disimpegno di massa” dei giovani NEET dallo studio e dal lavoro, rappresentano una delle sfide più grandi e più urgenti che il nostro Paese dovrà affrontare nei prossimi anni. Come possiamo prevenire gli abbandoni e le situazioni di disorientamento e insuccesso delle future generazioni? Le raccomandazioni europee e le Linee Guida Nazionali sull’Orientamento Permanente sottolineano l’esigenza di anticipare quanto più possibile le attività di orientamento, come accade in altri Paesi Europei, dove il “career learning” inizia già nella scuola primaria.
Nelle scuole primarie esistono già numerose iniziative e sperimentazioni in questo ambito, ma mancano ancora modelli pedagogici condivisi e strumenti educativi utili a gestire le attività didattiche. L’Università di Firenze, nell’ambito del progetto internazionale Jobland ha appena avviato una indagine nazionale per raccogliere le esperienze dei docenti e per condividere le migliori pratiche. Ecco come le scuole possono partecipare.

Nei sistemi educativi più avanzati, l’orientamento rappresenta un sostegno fondamentale per accompagnare gli studenti nel processo di apprendimento e di crescita professionale lungo tutto il percorso di vita, partendo già dai primi anni di scuola.

Obiettivi dell’orientamento in questa fase è l’apprendimento di quelle competenze che aiutano lo studente a riconoscere e sviluppare le proprie potenzialità e le proprie preferenze. In quest’ottica, il progetto europeo JOBLAND si propone di analizzare e valorizzare le attività di orientamento già dai primi gradi del sistema educativo.
Il progetto prevede una fase di indagine per rilevare i bisogni e le esperienze delle scuole, al fine di avviare un percorso partecipato di condivisione dei modelli pedagogici e di creazione degli strumenti didattici.
Il gruppo di ricerca offre quindi ai docenti e agli esperti la possibilità di partecipare attivamente a questa fase del progetto attraverso la compilazione di un breve questionario online. Gli obiettivi dell’indagine comprendono la conoscenza dei livelli di diffusione delle attività di orientamento, la rilevazione delle tipologie di attività e degli strumenti utilizzati per l’orientamento precoce.
La compilazione non richiede più di 10 minuti. Per iniziare la compilazione del questionario online è sufficiente cliccare sul seguente link:
https://www.joblandproject.eu/limesurvey/index.php/324548?lang=it.
I risultati del questionario guideranno la creazione dei materiali educativi (giochi educativi, unità didattiche, formazione e materiali per insegnanti) e i dati aggregati offriranno un primo punto di partenza per condividere un quadro teorico e metodologico nazionale.

Per ulteriori informazioni e seguire gli sviluppi del progetto, il sito di riferimento è www.joblandproject.eu. Qualora la vostra scuola fosse interessata a testare sul campo una o più attività o giochi educativi del progetto JOBLAND, vi invitiamo a contattare il team di ricerca compilando il form https://www.joblandproject.eu/contact/.

Il progetto, inoltre, prevede una serie di materiali e di eventi di formazione per i docenti, ad iniziare da un Web Seminar gratuito sui temi dell'orientamento precoce nella scuola primaria. Maggiori info qui: http://www.sorprendo.it/supporto/webseminar

Letto 111 volte

Social

share on facebook share on linkedin share on youtube share on twitter

Rimani in contatto con noi

Se hai domande o richieste di chiarimento su SORPRENDO, i nostri consulenti sono a tua disposizione, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00.

Contattaci

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. Tramite il sito sono installati cookie di terze parti (tecnici e profilanti). Chiudendo il banner, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.